domenica 19 aprile 2020

La pasta di sale


Le giornate sono lunghe , lente e i ragazzi si annoiano e le mamme si dannano ...
Così stamattina ho prepararti un’evergreen ...la pasta di sale .
Le attività manuali aiutano a scaricare i nervi , migliorano la manualità e stimolano la creatività .
Non si può uscire per cui è un’attività anche piuttosto economica . 
Vediamo come si  fa. 

250 gr di farina 00 
125 gr di sale fino 
125 gr di acqua 

Mettere tutto su di un piano ed impastare bene bene . Poi iniziare a giocare utilizzandolo come fosse pongo .
Si conserva in una bustina chiusa in frigorifero per una settimana .
Se avete in casa dei colori alimentari ( e non è così scontato in questo periodo ) allora potrete aggiungere qualche goccia di colore e divertirvi ancor più a giocare con i vostri cuccioli .
Buon divertimento 
Monia 


Andrà tutto bene






Ma la vogliamo fare una sciarpa insieme ? 
Ho pensato di fare una  sciarpa morbidissima in mohair e seta , leggera e adatta alle principianti .
Ho scelto due colori : il primo un verde lime , brillante e allegro come le prime gemme di primavera , il secondo un grigio chiaro come le nuvole del cielo di aprile e come l’umore un po’ di tutti . 


 Avvio: 60 catenelle +1
Io ho usato il filo doppio e  un uncinetto n.3 perché il filato di mohair che ho usato è davvero sottilissimo
1 giro: una maglia bassa sulla prima catenella del giro precedente , saltare 4 catenelle e nella 5 fare un’altro punto basso , poi fare 6 catenelle, saltarne altre 4 e nella 5 fare un’altro punto basso è così via fino alla fine del giro .
2 giro : fare 10 catenelle e un punto basso da agganciare al primo arco sottostante , 6 catenelle e agganciarle con un’altro punto basso nel secondo arco è così via fino a fine giro .
Dal 3 giro in poi lavorare sempre allo stesso modo .
Io ho lavorato per 80 cm con il filato lime . Poi ho cambiato filo e ho iniziato con il grigio .
Nulla toglie che possiate fare la sciarpa monocolore o utilizzare le ciambelle  di filato con più colori . Sta a voi e alla vostra fantasia .


La sciarpa misura complessivamente 160 cm ed è larga 30 cm 
In questo modo riesce ad avvolgerci  bene .
Alla sciarpa ho dato un nome : si chiama “ andrà  tutto bene “.
L’ho voluta chiamare così perché è quello che in questo periodo vorrei dire ad ognuno di voi ed è quello che mi racconto ogni giorno quando mi guardo  intorno e mi manca il respiro , quando mi abbasso per un attimo la mascherina perché non ce la faccio . 
Andrà tutto bene ... come un abbraccio .
Intanto questo è il mio abbraccio per voi . 
Monia 



Dal backstage .. saluti anche da Fanny 






Centrotavola Pasquale





Visto che si sta avvicinando Pasqua vi propongo un tutorial semplice semplice per fare un centrotavola riciclando i cartoni delle uova .
Il procedimento è velocissimo : 
Prendere un cartone delle uova , di quelli  già colorati o se volete color nature .
Incollarci sopra un centrino di pizzo  o di carta o di uncinetto .


Inserire sopra fiori o foglie finte , tipo quelli che decorano le bomboniere o in mancanza di altro fatelo voi con la carta o con il filo e decorate di fantasia .



Dentro poneteci poi le uova lesse che avete decorato per la mattina di Pasqua .
Io le ho decorate in modo semplicissimo: con un pennarello ho fatto degli occhietti e un timido sorriso .


Vi auguro una buona Pasqua .
Monia 




lunedì 30 marzo 2020

Ramo di Pasqua






                                   

                                    Una delle cose che mi è sempre piaciuta è addobbare casa .
Ho sempre cercato spunti per rendere il mio ambiente domestico allegro e fresco . Quest’anno , ovviamente , non è che giri proprio tanta allegria in casa ; gli spunti si perdono tra i pensieri e le paure ma qualcosa di semplice esce sempre , perché bisogna sempre resistere e andare avanti .
Quindi una mattina ho preso il mio filo écru , quello noioso che sa di cappuccino ed un uncinetto ed ho iniziato a fare fiori . 


Su @pinterest troverete tantissimi schemi di fiori , io ne ho scelti tre che potrebbero andare bene per questo lavoro .





 Se non sapete lavorare crochet allora recuperate dal cassetto del “ metto da parte “ tutti i fiorellini recuperati dai pacchi o dalle bomboniere . 


Ora prendete la colla a caldo e un ramoscello secco ed incollate a gusto i fiorellini , mettete il ramo in un vaso o in una bottiglia , se vi va aggiungete uova e decorazioni pasquali e addobbate la vostra tavola .



Grazie per essere passati di qui e alla prossima idea .

Monia 


lunedì 23 marzo 2020

Come fare una soluzione alcolica disinfettante


Premetto che ci ho pensato molte volte prima di fare questa soluzione .
All’inizio pensavo fosse la solita fake news , invece poi mi sono informata ed è proprio vero .
In questo periodo così difficile , l’OMS ha ufficializzato una ricetta semplicissima per fare una soluzione alcolica antisettica per le mani . Questo per evitare un’ eccessiva speculazione sui  prezzi dei disinfettanti per mani che attualmente sono introvabili .

Vi metto dunque la ricetta ufficiale :
-   833 ml di alcool etilico al 96%
-   110 ml di acqua distillata
-    42ml di acqua ossigenata al 3%
-    15 ml di glicerina o glicerolo al 98% .

Il procedimento è semplicissimo : in una bottiglia sterile unire tutti gli ingredienti .
Nel caso non aveste l’acqua distillata allora prendete l’acqua del rubinetto e fatela bollire .
La glicerina la trovate nei negozi specializzati ma anche nelle farmacie fornite ..se non riuscite a trovarla allora mettete un cucchiaio di una ricca crema per le mani a base di glicerina e scekerate bene .
Siccome poi io non amo il profumo dell’alcol e soprattutto amo gli oli essenziali , ho aggiunto a questa soluzione 125 gocce di olio essenziale di tea tree ( che è un olio essenziale dalle spiccate proprietà  antibatteriche , antivirali e antifunginee) e 125 gocce di olio essenziale di lavanda ( che è un olio essenziale dalle proprietà calmanti , antisettiche e antibiotiche . Inoltre ha proprietà cicatrizzanti che aiutano a mantenere la cute in buono stato visto che attualmente è soggetta particolarmente a stress )

Ovviamente prima di usare la soluzione disinfettante è necessario lavarsi bene le mani con acqua e sapone ogni volta che sia possibile .

Un’ultima precisazione : la ricetta originale è quella senza olio essenziale . Se non siete allergici alle sostanze indicate  e amate gli odori naturali allora potrete correggerla nel modo in cui vi ho indicato .

Grazie e a presto
               
                                                                                                                Monia

lunedì 25 novembre 2019

La coperta di Linus







I primi freddi mi hanno riportato alla mente il bisogno di avere sempre in macchina qualcosa che mi potesse aiutare con i bambini quando il tempo si fosse fatto capriccioso e ostile . 
Ho pensato che non avevo mai fatto una coperta . Allora ho studiato una misura che potesse andare bene per tante cose insieme . Anzitutto doveva essere un prodotto non troppo ingombrante , pratico e che si potesse lavare con facilità . Quindi ho scelto una misura 75 cm per 75 cm ideale sia come copertina da culla , per avvolgere un bambino in un giorno di pioggia , da tenere sulle gambe per un viaggio in treno o sul collo in un giorno particolarmente freddo . 



Poi ho scelto un bellissimo misto lana ...un 75% di lana misto a 25 % di acrilico per avere l’opportunità di lavare il capo ogni volta che si vuole senza paura.
Poi ho scelto la tramatura  .. la mia preferita ...il Granny ..perché mi ricorda le coperte della nonna , 
quel sapore di casa e tradizione al quale non so proprio rinunciare . 


Poi ho scelto il nome ..alla fine ..la coperta di Linus .
Ma ve la ricordate ? Una specie di amuleto da portare sempre con se’ .
Quello che voglio per la mia coperta . 
Ora spero che riesca a scaldare anche un pezzo della tua storia . 
Grazie per essermi passata a trovare 
Nuà

mercoledì 13 novembre 2019

Raccontami la tua emozione e ne farò uno scialle



Ti ricordi quando ti racconto che ogni mio scialle nasce da un’emozione ?
Ti ricordi quando ti racconto che ogni prodotto è unico, pensato apposta per raccontare una storia ?
Beh !!Vorrei che questo potesse accadere per ognuno , per ogni emozione e non solo per le mie .
Vorrei poter intrecciare fili per poter raccontare anche la tua di storia .


COME FUNZIONA 
Tu mi racconti una tua emozione . Il profumo di tuo figlio, il tuo grande amore , la tua più brutta sconfitta , il tuo lavoro, uno dei tuoi viaggi , l’alba più romantica che hai vissuto .
Insomma qualsiasi cosa tu voglia .
Mi manderai un racconto con una piccola moodboard di immagini .
Io ti manderò la palette dei filati che ho pensato e l’idea del lavoro .
Discuteremo insieme il da farsi e poi creerò il tuo progetto e sarà unico , solo per te . Lo porterai indosso come un racconto di qualcosa di speciale .


ISCRIZIONI 
Le iscrizioni al servizio si apriranno una volta ogni due mesi . Saranno aperte a sole due persone perché voglio che questa cosa sia proprio qualcosa di speciale e unico .
I mesi per potersi iscrivere sono novembre , gennaio, marzo, maggio, luglio e settembre .
Potrai farlo contattandomi in direct su ig etramite mail .
Le iscrizioni sono aperte dal 1 al 8 del mese o comunque fino al raggiungimento dei posti disponibili .per questo mese di novembre eccezionalmente fino a domenica 17 perché il servizio nasce ora .


COSTI 
Il servizio costa 120 euro e comprende la realizzazione di un capo quale sciarpa o scialle o baktus , una sacca di cotone con il mio logo ideale per riporre il capo, un packaging personalizzato con una card a tema sempre diversa , le istruzioni per il lavaggio ed un piccolo pensierino da parte mia a sorpresa e le spese di spedizione 
Per il pagamento si accetta una acconto pari alla metà del costo ad inizio servizio e poi il saldo prima della spedizione .


Ora ti dico solo che ti aspetto . 
Se ti va 
Nuà